Fondata da Mauro Moroni

Trimestrale di aggiornamento medico
cerca

Clinical Cases

· Anno 2017 ·

Clinical Cases in HIV - Volume 3 2017

Neoplasie e disturbi neurocognitivi nel paziente HIV positivo

La diagnosi di disturbi neurologici nei pazienti con HIV non è facile, spesso sono presenti fattori confondenti che ne ritardano l’identificazione. Scarsa aderenza, nadir di CD4 < 200 cellule/mmc, farmacoresistenza e viremia residua sono i fattori predisponenti. I casi clinici confermano come raltegravir sia un farmaco efficace dal punto di vista virologico e di prima scelta viste le limitate interazioni nel caso di pazienti con comorbidità e che necessitano di importanti terapie concomitanti. Nell’ambito della classe degli inibitori dell’integrasi, raltegravir ha confermato di avere una buona neuroprotezione e un buon profilo di tollerabilità.

Scarica il PDF

Clinical Cases in HIV - Volume 2 2017

La gestione delle patologie cardiovascolari in HIV

I casi presentati evidenziano le attuali problematiche cliniche emergenti, legate all’invecchiamento e allo sviluppo di comorbidità: la protezione cardiovascolare e la successiva gestione sono una parte importante della pratica clinica quotidiana dell’infettivologo. In questi pazienti la terapia antiretrovirale deve essere adattata a situazioni cliniche molto complesse, in cui è indispensabile considerare tutti i fattori in gioco, soprattutto quando molti regimi non possono essere utilizzati. Nei casi clinici raltegravir è stato utilizzato in triplice o duplice terapia mantenendo efficacia e tollerabilità, sfruttando i vantaggi della minore interazione farmacologica, del minor impatto sul metabolismo lipidico, della possibilità di utilizzo anche in presenza di insufficienza renale.

Scarica il PDF

Clinical Cases in HIV - Volume 1 2017

Approccio terapeutico alla coinfezione HIV/HCV

La serie di casi analizza l’attuale complessità di molti pazienti con HIV con lunghe storie di coinfezione da HCV, andati incontro a numerosi cambi di terapia sia per ridotta aderenza sia per sviluppo di eventi avversi ai primi farmaci antiretrovirali. Benchè giunti al trattamento dell’infezione da HCV tardivamente, in presenza di altre comorbidità come quella renale e metabolica, i casi mostrano l’indiscutibile efficacia dei nuovi trattamenti antivirali, con successi anche in pazienti molto complessi. Nella maggioranza dei casi di switch è stato scelto raltegravir, grazie al buon profilo di safety e al basso rischio di interazioni farmacologiche.

Scarica il PDF

Richiedi gratuitamente la Rivista e la Newsletter
Contatta la redazione
×