Fondata da Mauro Moroni

Trimestrale di aggiornamento medico
cerca

Leggi ReAd files

· Anno 2012 ·

ReAd files N. 4 - 2012

HIV e trapianto di fegato: lo stato dell’arte

Questo numero di ReAd files prende atto della realtà italiana dell’attività del trapianto epatico per epatopatie croniche virali nei pazienti HIV. Pur iniziali e limitati a pochi centri nazionali, i dati sono incoraggianti e confermano il successo del trapianto nel paziente HIV, l’ottimo controllo dell’HBV, la sfida dell’HCV che rimane il nemico da battere. La disamina della Rivista non è solo scientifica ma fa fronte anche alle esigenze psicologiche e sociali dei pazienti e dei costi in questo particolare contesto clinico. La strada di una efficace terapia per i molti pazienti HIV con cirrosi virale è stata aperta, il percorso va ora completato con il coinvolgimento di tutti i centri trapiantologici italiani.

Scarica il PDF

ReAd files N. 3 - 2012

Il condizionamento genetico nella progressione clinica e tossicità dei farmaci

Le infezioni croniche rappresentano un ottimo paradigma per lo studio del condizionamento genetico, in quanto sono l’esito di una serie complessa di eventi governati da altrettanto complessi meccanismi biologici: il contagio, l’impianto dell’agente microbico nelle cellule target, l’elusione della risposta immune, la persistenza nell’organismo. Le infezioni croniche evolutive richiedono interventi farmacologici che pongono problemi di tossicità “cronica”. L’approfondimento degli studi di genetica umana ha aperto ad una miglior gestione assistenziale delle persone con HIV e in pochi anni sono stati ottenuti risultati di grande interesse. L’epidemiologia, il decorso e la risposta alla terapia delle infezioni da virus epatotropi sono condizionate in modo rilevante dalla genetica del virus infettante e dell’ospite infettato; lo sviluppo di tecnologie sensibili e specifiche a basso costo ha reso oggi accessibile al medico pratico l’informazione genetica essenziale nella gestione del malato di epatite virale.

Scarica il PDF

ReAd files N. 2 - 2012

Linee Guida e nuovi farmaci: cosa cambia

Questo numero di Read files è dedicato agli aggiornamenti più significativi, corredati dai commenti degli esperti, apparsi nell’edizione di ottobre 2011 delle “Linee Guida Italiane sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1”, alcuni dei quali riguardano gli interrogativi “storici”, oggetto di approfondimenti e discussioni: “quando iniziare”, “come iniziare” la terapia antiretrovirale e “come continuarla” dopo aver raggiunto l’obiettivo della soppressione virologica. Altri update si caratterizzano per la particolare attualità, come l’analisi dei regimi di semplificazione, oggi proponibili con il miglioramento della farmacopea antiretrovirale. Infine, sono stati approfonditi aspetti che, con l’incremento del numero di anni di trattamento farmacologico a carico delle persone HIV-positive, e della spettanza di vita, assumono oggi crescente rilevanza; tra questi, le malattie dell’osso ed i disturbi neurocognitivi. In tema di epatiti, in questo numero sono raccolti alcuni interessanti contributi che fanno il punto sulle novità in ambito terapeutico e farmacologico nell’epatite C, alla luce dei più recenti progressi in campo farmacologico, come lo sviluppo degli antivirali diretti telaprevir e boceprevir, inibitori dell’Ns-3 proteasi del virus. Completa il fascicolo il commento sulle Nuove raccomandazioni EASL sulla diagnosi, la stadiazione ed il trattamento dell’epatite cronica da HBV, che forniscono un importante aggiornamento sul management di questa infezione.

Scarica il PDF

ReAd files N. 1 - 2012

HIV e Virus Epatitici: riflessioni e commenti sulla ricerca scientifica

ReAd Files dedica il primo fascicolo di ogni anno alla presentazione dei lavori scientifici più significativi comparsi nel corso dell’anno precedente: in HIV ed epatiti virali la letteratura è amplissima e mediamente di ottimo livello. La scelta è caduta sui lavori che hanno rappresentato un concreto passo avanti nelle conoscenze ed una immediata ricaduta nelle pratiche assistenziali. In campo HIV, gli argomenti scelti hanno riguardato le nuove strategie di intervento (terapis precoce come prevenzione della trasmissione di HIV, dati dello studio ACTG5202 e del confronto EFV e RPV), le coinfezioni (tempistica di inizio della terapia nei coinfetti HIV-TB), le comorbidità (decorso della nefropatia nei pazienti coinfetti HIV-HCV, correlazione tra profilo linfocitario e malattie cardiovascolari, legame tra ipovitaminosi D e spessore dell’intima media-carotidea, nuovi dati sul profilo di safety di ABC). Nel campo delle epatiti, in tema di HCV la scelta è caduta sui lavori che hanno definito l’efficacia delle nuove molecole antivirali TVR e BOC, e sul ruolo della determinazione del polimorfismo di Il28B. La scelta dei labori interenti il virus HBV è stat invece volta a mettere in luce alcuni aspetti terapeutici o non ancora codificati o virologici con possibili ricadute cliniche, come il ruolo degli analoghi nucleo(t)sidici nei pazienti con cirrosi scompensata, o ancora la dissociazione tra livelli sierici di HbsAg e risposta virologica. Tra gli altri argomenti, la selezione di mutanti del gene S di HBV con replicazione virale e receidiva dell’eaptite, in pazienti già sieroconvertititi ad anti-HBs, la messa a punto di un modello animale con fegato umanizzato per studiare interazioni e meccanismi virologici nella coinfezione/sperefinfezione HBV/HDV; la cronicizzazione dell’infezione da HEV nei trapiantati.

Scarica il PDF

Richiedi gratuitamente la Rivista e la Newsletter
Contatta la redazione
×